dress code matrimonio |alessandrapirola.it

Dress code per gli invitati

Anche il Dress code per gli invitati deve rispondere a regole generali di galateo e di bon ton!

 

Nella scelta dell’outfit giusto è fondamentale fare riferimento alla stagione, al contesto e all’orario della cerimonia.

 

No, a luccicanti paillettes, abiti lunghi e tonalità scure di giorno, mentre di sera si può optare per un elegante abito midi, da cocktail.

dress code invitati |alessandrapirola.it

Sono da evitare, in ogni caso, spacchi vertiginosi, scollature generose, trasparenze e mini-abiti. La sposa dev’essere protagonista, e per le invitate le parole d’ordine saranno: sobrietà e discrezione.

Se la cerimonia avviene in primavera scegliete nuance pastello in ogni sfumatura; in estate optate, invece, per tonalità più brillanti e fresche, sempre evitando i colori fluo. In autunno e in inverno saranno perfetti il blu navy, il bordeaux e perché no, il verde sottobosco o il borgogna.

Non indossate mai, per nessun motivo: il bianco, il viola, per superstizione, il rosso, troppo appariscente e il nero!

 

dress code invitati al matrimonio |alessandrapirola.it

Se la sposa, poi, desidera che le sue bridesmaids indossino gli stessi accessori e siano vestite uguali, dovrà sostenere lei stessa la spesa degli outfit. Colori, tessuti e tagli dovranno assecondare, in questo caso, qualsiasi forma, incarnato e altezza.

 

Se sono previsti paggetti che portino le fedi o “flower girls”, è sempre la sposa che deve acquistarne i vestitini.

 

Ma ricordate: niente sposi versione “baby” per i bambini e niente abitini “super infiocchettati”, effetto meringa, per le bambine!

Ci sono alcune regole da rispettare anche per gli accessori: il cappello dev’essere indossato esclusivamente di giorno e solo se la prima a farlo è la madre della sposa, seguita da quella dello sposo.

La borsetta deve avere dimensioni contenute: un elegante clutch o una pochette a mano, oppure a tracolla con catena di metallo, portata su una spalla e non a bandoliera.

Le cerimonie richiedono accessori raffinati e piccoli, niente shopping bag!

Per quanto riguarda le scarpe, ho un piccolo suggerimento: se il ricevimento si svolge in un parco, meglio comprare dei salvatacchi, oppure prediligere calzature con tacchi larghi, non a stiletto o a spillo.

Per gli uomini, il discorso si fa più semplice! Se lo sposo indossa il tight – abito riservato ai soli matrimoni diurni – anche il padre, i testimoni, il padre della sposa e relativi fratelli dovranno portarlo, mentre gli altri invitati saranno liberi di scegliere se farlo o meno. Meglio evitare lo smoking, perché non è un abito da cerimonia!

 

dress code matrimonio |alessandrapirola.it

 

Di giorno è sempre meglio vestirsi con colori chiari come il grigio, mentre di sera è preferibile il blu scuro. No a completi spezzati e rigati: l’occasione richiede abiti a due o tre pezzi coordinati e a tinta unita.

La camicia, inoltre, dovrà essere rigorosamente bianca e la cravatta in seta, nei toni pastello, perfetta anche con micro-fantasie, ma non regimental.

Le scarpe, come per lo sposo, sono in cuoio spazzolato nero e stringate; la cintura sarà coordinata alle scarpe e senza fibbie vistose. Per quanto riguarda le calze, prediligetele lunghe e scure.

Del resto, la scelta del look perfetto è sempre una questione di stile!