fashion week per il mondo del wedding

Si Sposaitalia Collezioni

Dal 1 al 4 aprile Milano ha ospitato l’evento Sì Sposaitalia Collezioni, una fashion week per il mondo del wedding.

Dopo l’attesissima edizione dello scorso anno (considerato il momento storico non c’era stata l’edizione 2020) è bello sapere che ogni anno prosegue questa importante manifestazione.

L’appuntamento si conferma il cuore della moda bridal internazionale.

 

I punti di forza? Italian style e glamour worldwide.

 

Tra sfilate e presentazioni sono state svelate le nuove collezioni 2023 di abiti e le tendenze che accompagneranno i matrimoni il prossimo anno.

L’evento è un punto di riferimento per tutto il nostro comparto: un susseguirsi di incontri e di confronti.

Stare al passo con i tempi e sapere quali sono le novità è fondamentale per chi lavora nel mondo bridal per proporre ai propri clienti tutte le possibili alternative per il loro grande giorno.

Con un calendario ricco di eventi e presentazioni, alla manifestazione hanno partecipato 170 brand che hanno mostrato i propri must-have: Justin Alexander, Julia Kontogruni, Savin London, Tarik Ediz, Gali Karten, Savannah Miller, Giuseppe Papini, Luisa Sposa, Creazioni Maria Pia, Avaro Figlio, Elisabetta Polignano e Amelia Casablanca sono solo alcune delle firme.

I brand protagonisti si fanno portavoce e creatori di qualità, eleganza e innovazione. Ad animare le tre giornate sono state le passerelle: abiti eleganti, accessori preziosi e tessuti sapientemente rivisitati.

Un appuntamento irrinunciabile anche per boutique e distributori internazionali. La manifestazione si è suddivisa in tre parti distinte, ciascuna dedicata ad un target:

-Sì Bridal Room: uno spazio aperto su invito alle boutique che cercano novità di stile e new talent

-Sì Italian Touch: una vetrina per le offerte italiane, con sensibilità verso il prodotto artigianale, pensato per i punti vendita che possono a loro volta raccontarla ai clienti.

-Sì Collections: il racconto dell’artigianalità del mondo bridal con una selezione dei migliori brand nazionali e internazionali. Questa sezione è stata dedicata ai punti vendita che cercano diverse tipologie di proposte: taglie, prezzi, stili e gusti. L’inclusività e la possibilità di accontentare qualsiasi cliente è uno dei punti fondamentali delle nuove collezioni.

Insomma, un evento ricco di messaggi importanti,  all’insegna di eleganza, raffinatezza e stile.

 

Ma veniamo alla tendenze: quali sono i trends che vedremo nel 2023?

 

Sicuramente il principale è la doppia identità: il vestito componibile, che si scompone aggiungendo e togliendo dettagli, per i diversi momenti della giornata.

Le maniche a corolla vistose scompaiono, lo strascico e le ampie gonne nascondono talvolta dei tubini e le scollature diventano più generose.

Questa tendenza è sia per chi vuole un solo abito, che cambi “poco” nel corso del matrimonio e quindi aggiunge piccoli dettagli, sia per chi vuole diversificarsi durante la giornata e quindi modificherà il proprio abito secondo proprio gusto.

 

Che abiti vedremo nel 2023?

 

Sicuramente abiti neoromantici: lo stile dei vestiti da sposa ha perso rigidità e la formalità, lasciando spazio ad un nuovo romanticismo.

Leggerezza, trasparenze e spontaneità, tessuti preziosi e i dettagli importanti faranno la differenza.

Tutto questo si unisce ad una tendenza che troveremo spesso il prossimo anno: uno sguardo al passato, con mia somma gioia!

Si cerca di evitare la sensazione del troppo nuovo, a favore dell’artigianalità e del richiamo al vintage.

Vedremo quindi corpetti, pizzi ricami senza tempo, abiti ricchi di storia, artigianali e spesso appartenenti alla nostra eccellenza Made in Italy, meno costruiti e più sofisticati.

 

E i dettagli?

 

Un trend del 2023 è la ricerca del particolare aggiunto, il famoso “dettaglio che fa la differenza” senza essere troppo vistoso.

Un cinturino che segna il punto vita, una spallina che diventa bretella.

Arricchire senza esagerare, questo sarà uno dei punti fondamentali: ovviamente dipende sempre dal contesto ma i dettagli, se bene aggiunti, accompagnano con discrezione la semplicità. Queste novità rappresentano vere e proprie innovazioni ma non escludono i grandi classici come il fiocco, che diventa importante ed eclettico.

Come ogni anno non sono mancate le presentazioni in atelier, Antonio Riva ha cosi’ aperto ufficialmente la bridal week, presentando nel proprio atelier quella che probabilmente sarà la sua collezione più  speciale,  Mari: un sentimento incondizionato, un amore che trascende l’anima.

Guidato da questo sentimento Antonio Riva crea magia. Abiti dai volumi e drappeggi inaspettati, fiocchi-scultura e creazioni sartoriali.

Ogni abito è bianco assoluto, le stoffe più pregiate, scelte con cura divengono opere d’arte couture.

Il suo tessuto distintivo, il mikado nuovamente cardine della collezione.

A chiusura della collezione esaltazione di purezza e candore, un accenno di rosa.

Lo sguardo attento anche alla sostenibilità infatti, l’abito di punta di questa esclusiva collezione Mari è realizzato in piume di seta con tessuti recuperati dalle parti non utilizzate di questo prezioso filato.

Il talento dello stilista è sempre stato quello di comunicare attraverso le proprie creazioni i suoi stati d’animo.

Chi ha conosciuto Mari sa che questa è una collezione unica ed irripetibile dall’immenso valore aggiunto.

È sempre bello vedere come il mondo bridal sia in continua crescita e sviluppo, soprattutto dopo un periodo così complesso per tutta la wedding industry.

Ogni stilista e ogni professionista attraverso il proprio lavoro crea contributi preziosi.

Sì Sposaitalia Collection è una manifestazione che porta innovazione e raffinatezza, con le sue tre giornate milanesi, preannunciano a tutti noi un ritrovato entusiasmo, la fiducia e la speranza di vivere una stagione piena di belle emozioni perché come dico sempre #nonèsolounevento.