Sì Sposaitalia Collezioni

Quest’anno è stata attesa più che mai l’edizione 2021 di Sì Sposaitalia Collezioni, che si è svolta  in presenza presso Fiera Milano City, dal 25 al 27 giugno.

 

Assolutamente un appuntamento imperdibile all’insegna della ripartenza; si tratta del primo grande evento dedicato alla moda sposa e riservato ai professionisti del settore wedding.

Un vero e proprio show espositivo con un calendario ricco di sfilate, che ha coinvolto gli atelier più noti del panorama nazionale e internazionale e che ha visto la presentazione di ben oltre 100 collezioni.

Dopo 2 anni di assenza (lo scorso anno per ovvie ragioni non era stata organizzata), la manifestazione, originariamente prevista per il mese di aprile 2021, è stata poi posticipata a giugno per poter garantire con maggior certezza un appuntamento in presenza.

Con grande trepidazione per la ripartenza del settore wedding ed eventi, ahinoi gravemente penalizzato dalle restrizioni in seguito alla pandemia Covid-19, l’intero comparto e tutti i professionisti e gli operatori coinvolti hanno avuto l’occasione di incontrarsi di nuovo per confrontarsi, aggiornarsi e fare networking.

Dopo la lunga e forzata pausa, era evidente la necessità per tutti noi di ritrovarsi in presenza e la partecipazione a Sì Sposaitalia Collezioni è stata particolarmente sentita con un rinnovato entusiasmo.

Storie di wedding, interviste, persone, campagne, indirizzi…c’è qualcuno che crea e che racconta tutto questo e anche molto altro.

Emanuele Guidi, direttore artistico dell’evento, ha dichiarato ai microfoni di Elle Spose che “questa era l’esigenza di unirsi: aziende, negozi e organizzatori, con l’obiettivo di guardare insieme al futuro” .

Si' sposa italia collezioni |alessandrapirola.it

La manifestazione, svoltasi durante la bridal fashion week, è dedicata interamente alle tendenze bridal in merito agli abiti da sposa, sposo, cerimonia e accessori. È stata strutturata su tre aree principali: Sì Italian Touch, Sì Collection e Sì Bridal Room per coprire e soddisfare la domanda di ogni segmento di mercato dell’area bridal.

Sì Bridal Room presenta le novità dei designer italiani e stranieri, sempre con un profilo alto e con uno sguardo volto allo scouting di new talent; nella sezione Sì Italian touch si trovano i nomi dei migliori atelier italiani, da sempre emblema di uno stile raffinato ed elegante; si rivolgono principalmente a buyer interessati a creazioni di alta sartoria.

Infine,  Sì Collections contempla le nuove tendenze per uno scenario più internazionale, destinate a multibrand di medie e grandi dimensioni.

Apre Sì Sposaitalia Collezioni la sfilata di Elisabetta Polignano e poi Antonio Riva, caro amico e stimato professionista, che trasmette un video sfilata girato in sartoria, rafforzando la sua collocazione come evento “must” nel bridalwear internazionale  Antonio a cui auguro fortuna in quanto dopo lo storico palazzo milanese Toschi Corneliani di C.so Venezia, sceglie un’altra location prestigiosa nel cuore di Roma per l’apertura del suo secondo atelier: l’esclusiva cornice di Palazzo Grazioli in via del Plebiscito.  

La redazione di Elle Spose ha seguito in diretta tutti gli eventi della giornata.

Ma facciamo un passo indietro, giovedì sera ho avuto il privilegio di rivedere amici e colleghi in occasione del cocktail presso il Principe di Savoia, organizzato da Elle Spose.

 

Si' sposa italia collezioni |alessandrapirola.it

 

 

A fare gli onori di casa a noi wedding planner e agli stilisti invitati, Giusy Babetto, Giovanni Sparacio, Giuliana Parabiago e l’intera redazione di Elle.

 

Emozionante lo scatto degli stilisti Antonio Riva, Elisabetta Polignano, Nicole Cavallo e Peter Langner.

 

Si' sposa italia collezioni |alessandrapirola.it

 

Ho rivisto con piacere anche la dolce Melania Fumiko che presto incontrero’ nuovamente nel suo atelier.

 

Sì sposa italia collezioni |alessandrapirola.it

Il brindisi insieme a conclusione di una serata che ha sancito per tutti noi una ripartenza…super!

 

Ho deciso di fare della mia passione la mia professione, sorprendente e imprevedibile e a distanza di tanti mesi trascorsi in sospeso da quello che per non è solo un lavoro, oggi sono proprio qui dove mi porta il cuore.